Blog

I bambini dovrebbero cominciare ad apprendere in natura non nell’aula ” le parole del celebre neuroscienziato F. Mora

Sin dalla nascita stiamo imparando. L’apprendimento è un processo innato e consustanziale per mantenere la vita. È essenziale per la sopravvivenza della specie . È il bisogno più antico del mondo: come mangiare, bere o riprodursi. Qualsiasi individuo biologico che non avesse potuto imparare, o che avesse imparato male, sarebbe morto presto,  chi non avrebbe mangiato o bevuto. La vita non ci sarebbe  senza l’apprendimento.

Il meccanismo molecolare del processo di apprendimento si perde negli albori del tempo: esisteva già negli esseri unicellulari, almeno 3.000 milioni di anni fa. L’apprendimento comporta un processo molecolare che è stato sviluppato e reso più complesso con lo sviluppo del sistema nervoso, a partire dagli invertebrati. Una lumaca, ad esempio, ha un potente meccanismo neuronale con cui impara a distinguere ciò che è buono (un alimento) da ciò che è cattivo (qualsiasi sostanza tossica).

Il cervello dei mammiferi, e tra questi l’essere umano, ha un disegno orchestrato da codici ereditati durante tutto il processo evolutivo che spinge tutti gli esseri viventi ad apprendere spontaneamente. Codici stampati nel programma genetico di ogni specie. Alla nascita, l’apprendimento è il primo meccanismo cerebrale che viene attivato. È il meccanismo responsabile dell’adattamento all’ambiente e alla sopravvivenza.

Abbiamo visto tutti in televisione come la gazzella neonata cerca di alzarsi in pochi minuti, e lo fa imparando dalla realtà del mondo in cui si trova. Il contatto diretto con il mondo fisico è assolutamente essenziale per l’arrivo dei codici genetici e, con esso, il meccanismo di apprendimento. Impara imparando: una volta che ti alzi, la gazzella impara che non dovrebbe correre da sola nel prato, esposto ai predatori, e  questo lo tiene vicina  a sua madre, perché ha già imparato, molto rapidamente, che lo proteggerà. Questo è l’apprendimento e i meccanismi che lo sostengono sono i codici sacri dell’esistenza biologica, diciamo ancora una volta, sono quelli che mantengono la sopravvivenza.

L’apprendimento dell’essere umano non è, nella sua essenza, molto diverso da quello che ho appena descritto. Nei suoi primi anni, l’essere umano dovrebbe anche imparare com’è il mondo direttamente nella natura e non in classe. È vero che, a differenza della gazzella, l’apprendimento dell’essere umano richiede un processo attivo da parte degli altri. Ad esempio, al bambino di 2 o 3 anni, ora che stiamo comprendendo la portata e il significato dell’educazione a queste età,  dovrebbe essere insegnato ciò che un fiore è  direttamente in natura nel campo dove nasce e cresce, facendo osservare il bambino sia il fiore nel contesto degli altri fiori e foglie e rami, sia guardandolo in isolamento . E che può prendere il fiore, toccarlo e annusarlo, cogliere i petali e farlo con un fiore liscio, luccicante e brillante, e con quello che perde la sua luminosità e bagliore, e anche ciò che rimane, già asciutto, di quello stesso fiore . E così, con le foglie e i rami degli alberi. E come in questo esempio, tutto l’apprendimento del mondo sensomotorio del bambino di questa età dovrebbe essere estratto più dalla realtà, dal vivo e meno da fotografie, video o libri, racchiusi tra le quattro pareti di un asilo nido . Solo allora, in modo naturale, non lo dimenticherà mai e, inoltre, con esso costruirà i solidi elementi sensoriali con i quali creerà gli abstract e  le idee, che sono gli atomi del pensiero. Solo imparando bene i calcoli percettivi si possono imparare bene quegli abstract che, integrati in fili di tempo, costituiscono il ragionamento umano. Bene, tutto ciò è orchestrato dall’emozione, dal cervello emotivo. Tutto nel mondo, se è nuovo, diverso e si distingue dalla monotonia, suscita curiosità, uno degli ingredienti base dell’emozione. La curiosità è la chiave che apre la porta dell’attenzione e con essa vengono messi in atto i meccanismi neurali con cui viene appresa e memorizzata. Cioè, l’accensione dell’emozione da parte di ciò che  si vede, si ascolta o si tocca è il nucleo di tutto l’apprendimento, sia in età molto precoce, come quelle appena menzionate, o in qualsiasi età per cui passa l’arco vitale dell’essere umano, anche nel  processo di invecchiamento. Nessuno può imparare nulla se ciò che sta imparando non lo motiva o gli dica qualcosa.

La curiosità precede l’attenzione. L’attenzione nasce da qualcosa che può significare ricompensa (piacere) o punizione (pericolo) e che quindi ha un prezzo, lo dico ancora una volta, per la sopravvivenza dell’individuo. L’attenzione è una lampadina che illumina ciò che ci sta di fronte e la distingue, seziona da tutto il resto. Dà il punto di vista illumina dove c’è l’oscurità e difficilmente può perdersi qualcosa.  Ed è così che si crea la conoscenza

Oggi la neuroscienza inizia a conoscere gli ingredienti di quei processi che sono emozione, curiosità, attenzione, percezione e sperimentazione, apprendimento e memoria e tutti gli altri importanti aspetti fisiologici per quell’apprendimento, e il sonno. E dalle neuroscienze, la neuroeducazione inizia a prendere forma.

di Francisco Mora

Professore di Fisiologia umana (Università Complutense) e professore associato di Fisiologia molecolare e biofisica (Università dello Iowa, USA). Autore di Neuroculture (Alliance) e Neuroeducazione (Alliance).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.