Blog

L’apprendimento deve essere un piacere e chi insegna deve sempre farlo con gioia. Il neuroscienziato F. Mora disegna la scuola del XXI secolo

Francisco Mora,Professore di Fisiologia umana presso la Facoltà di Medicina dell’Università Complutense di Madrid

Convinto che tutto ciò che sappiamo sul cervello possa essere utilizzato nell’istruzione, sostiene la modifica del formato delle lezioni. La ragione? Il tempo di attenzione massimo con una buona prestazione mentale di coloro che partecipano a una conferenza o ascoltano un insegnante varia tra 10 e 20 minuti, ma le nostre lezioni durano 50.

Quale messaggio daresti a insegnanti e genitori per educare nel 21 ° secolo?

Dovrebbe esserci un’istituzionalizzazione del rapporto scuola-famiglia perché, in caso di separazione, c’è un’interruzione della formazione nelle abitudini etiche. Se un messaggio emotivo è A nella famiglia e B nella scuola, questo non va bene

Cos’è la neuroeducazione?

Semplicemente una strategia per  sfruttare il modo in cui il cervello lavora per ottenere un migliore apprendimento. Conoscere la natura umana – i codici del cervello che esprime e anche l’origine evolutiva dello stesso – ci permetterà di capire come possiamo fare l’essere umano che tutti vogliamo fare insieme.

E quali conclusioni della neuroscienza possono essere applicate in classe?

C’è fretta di insegnare a leggere il più presto possibile, ma oggi sappiamo che l’area di Wernicke, la parte del cervello che elabora il passaggio dal grafema al fonema, nella maggior parte dei bambini – circa il 70% – non  è Matura prima dei 6 anni. Nelle scuole finlandesi, nessuno impara a leggere prima dei 7 anni perché non serve, perché è una gioia imparare a leggere quando l’area deputata alla lettura è matura.

Sembra che i tempi di attenzione siano ridotti. Dovremmo cambiare la strutturazione delle lezioni?

Senza dubbio. Molti studi dimostrano che il tempo di attenzione con una buona prestazione mentale di coloro che ascoltano una lezione o l’insegnante varia tra 10 e 20 minuti, ma le nostre lezioni durano 50. I MOOC gratuiti (Massive Open Online Courses) delle migliori università del mondo durano 10 minuti . Se l’insegnante interrompe il discorso programmatico ogni 10-15 minuti con 2 minuti di qualcosa che non deve fare: uno scherzo, qualcosa che ti fa sorridere, qualcosa di eccitante da ricordare …, avrai altri 10-15 minuti di massima attenzione.

IL memorizzare oggi è un po’ denigrato

Errore, errore grave. Quando studi o fai un discorso, vogliamo che tu lo faccia in modo critico, analitico e, se possibile, creativo. Un discorso nato da lui, non copia ciò che dice Internet. Internet come memoria dovrebbe servire solo a dati specifici da incorporare nel tuo discorso. L’eleganza di avere una memoria esplicita significa anche che, dall’età di 60-65 anni, sarà stata creata una riserva cognitiva, un aumento delle connessioni. Chi memorizza bene, parla diverse lingue, mangia poco, fa esercizio aerobico e ha intensi rapporti sociali empatici.
La demenza o il morbo di Alzheimer compaiono quando si perde il 40% di queste connessioni; se ne hai molti, ci vuole per raggiungere quella perdita; Se ne hai pochi, emergono i sintomi.

Che ruolo giocano le emozioni nell’apprendimento?

Fondamentale. Le emozioni sono la natura e il nucleo che incorpora quasi tutti i comportamenti. Sono nati in noi più di 250 milioni di anni fa. Siamo esseri emotivi e solo un po ‘razionali. Oggi nessuno parla, come diceva Aristotele, di ragione ed emozione; Non c’è apprendimento senza emozione, sono un’unica cosa . Non puoi pensare, decidere, raggiungere la bellezza o memorizzare senza emozioni; sono le basi.

Come può l’insegnante fare uso di ciò che conosciamo?

Rendendosi conto che non puoi insegnare nulla di noioso. Devi creare un interesse per il bambino. La curiosità è la porta che apre l’attenzione nel cervello. L’attenzione è ciò che avvia il meccanismo di apprendimento e memorizzazione. E poi, se classificato bene, viene creata la conoscenza. L’apprendimento deve significare piacere e devi sempre insegnare con gioia.

Esiste una neuroscienza utile per i genitori di adolescenti? Conoscere il cervello dell’adolescente può aiutarci a capire questo stadio complicato?
 
L’adolescenza è un periodo tremendamente difficile del cervello umano perché c’è una potatura sinaptica delle connessioni: il cervello si adatta a un nuovo mondo dopo essere stato invaso dagli ormoni della pubertà. C’è persino la morte neuronale in alcuni punti. L’adolescente ha costantemente bisogno di piacere e ricompensa, di essere contento ed è sempre frustrato perché non ci riesce. Per educare un adolescente devi iniziare dalla nascita.

Le nuove tecnologie sono entrate nell’istruzione.
 
Il tablet, Internet, lo “smartphone” … devono restare fuori dalla scuola e dalla famiglia fino a 10 anni. La realtà è multisensoriale, non come quella del tablet.

Il rapporto umano con l’insegnante ha valore?

Solo un essere umano può insegnare l’umanità. L’insegnante deve essere il gioiello nella corona di un paese. Le parole dell’insegnante, se sono un veicolo di emozione, sono una bacchetta magica che trasforma la fisica e la chimica del cervello del bambino. A volte per tutta la vita

tratto da

https://www.heraldo.es/noticias/sociedad/2019/08/22/francisco-mora-podemos-estar-atentos-con-un-buen-rendimiento-unos-10-minutos-1330683.html?fbclid=IwAR2Y1hJw9gI3zvzojacPoL83Gd3iNjlmwSFB7Y0J4VrF70kmVas4drXIRWI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.