Uncategorized

QUALI SONO I COMPITI PIU’ IMPORTANTI PER I BAMBINI IN QUESTI GIORNI

Pubblicato il

Quali sono i compiti più importanti per i bambini in questi giorni?

Viviamo una situazione unica nella nostra storia in cui per la prima volta genitori e figli viviamo per settimane insieme  ininterrottamente. Settimane di condivisione senza tanto stress o distrazioni. Senza tanta pressione per arrivare in tempo qui o là. Senza tanto lavoro accumulato a casa. Senza l’impulso irrefrenabile di avvicinarci al centro commerciale a comprare cose di cui non abbiamo bisogno. Senza tanti compleanni di amici, senza tanti festeggiamenti e riunioni di famiglia.

La parola casa, viene da “falò”, il luogo in cui i membri di una stessa tribù condividevano il cibo, le preoccupazioni, i trionfi della caccia, le storie di prima di andare a letto e il calore del fuoco che permetteva loro di rimanere vivi Il mio cuore è il mio cuore La casa è diversa dalla famiglia. Puoi tenere i tuoi genitori vicino o lontano da casa tua e i tuoi fratelli ognuno in un confine del pianeta. Sono tutti una famiglia, ma la casa è qualcosa di diverso. La casa è dove condividiamo tutto ed educhiamo i nostri figli. A volte passiamo la settimana a lavorare e il fine settimana con gli amici e altre famiglie, ma dedichiamo poco tempo a casa nostra. E questa è un’ottima occasione per rendere il nostro falò più forte.

Ci mandano molti compiti. Matematica, inglese, lettura, scienze sociali e dettate… ma questi sono i doveri più importanti che i nostri figli possano fare? Sono importanti, senza dubbio, ma non credo che siano i più importanti. Ci sono molte altre cose che non insegniamo ai bambini durante il corso, perché viviamo investiti dalla fretta e dallo stress ma che sono importanti se come diciamo li vogliamo educare nella responsabilità e nella solidarietà.

Fare il letto ogni mattina, ordinare la sua stanza o spazzare via la cucina. Aiutare a pelare e preparare il cibo, a mettere il tavolo e imparare a svuotare la lavastoviglie. Imparare ciò che i genitori siamo in grado di insegnare loro; essere in grado di insegnare ai nostri figli, in prima persona, e non mettendo la testa in un libro. Scrivere una lettera a tuo nonno invece di fare un dettatura. Modificare un video di auguri per suo cugino invece di scrivere un diario. Calcolare il peso degli ingredienti di un biscotto per colazione invece della tabella moltiplicare. Imparare a divertirci insieme e imparare a divertirci da soli. Imparare a muovere l’alfiere e che il cavallo non può muoversi così. Insegnare loro che non abbiamo bisogno di molte cose materiali e che con la nostra immaginazione possiamo trascorrere momenti fantastici. O semplicemente imparare a pulire il tavolo dalla cucina come si dovrebbe fare, ritirando prima le briciole, insaponando e chiarire dopo. O forse imparare la scuola e anche la casa.

Ciò che è sicuro è che non avremo mai più tanto tempo per condividere con i nostri figli e credo che ci sia un insegnamento ancora più grande che possiamo regalare loro. Passiamo la vita correndo, sempre volendo arrivare e quando finalmente arriviamo ci colleghiamo alla TV o al cellulare per staccare. Forse non si tratta di finire tutti i compiti o perdere l’anno scolastico. Nemmeno di fare lavori o fare torte senza sosta. Forse la cosa più importante che grandi e piccoli possiamo imparare e ricordare è il semplice fatto di vivere senza fretta, di dare loro il loro tempo e rendere più forte la nostra casa.

articolo estratto dalla pagina fb

di Alvaro Bilbao
Neuropsicologo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.