Blog

I bambini sono bambini, non adulti in costruzione

È un grande errore richiedere ai bambini, giovani o meno giovani, di comportarsi da adulti e di fare sempre ciò che tu, da adulto , ritieni corretto.

Ti ho messo alcuni degli errori che commettiamo quando trattiamo i bambini come se fossero adulti senza ricordarci che dovremmo sempre dare un esempio coerente:

  • Volendo che dormano da soli fin dalla tenera età, quando anche noi dormiamo insieme.
  • Chiedere da subito che sistemino la stanza e  il letto : questo si ottiene nel tempo, dopo molti anni passati a vederlo fare i genitori e quando li hanno accompagnati a poco a poco verso questo obiettivo . Esigere e anche avere un conflitto a causa di ciò, dà loro solo più frustrazione, rabbia e poca motivazione verso questo obiettivo.
  • Chiedere loro di gestire bene il loro denaro (la loro retribuzione) e se lo spendono il loro problema è quando anche noi non gestiamo correttamente le nostre spese, o abbiamo difficoltà a farlo.
  • Richiedere che ottengano buoni voti perché è “il loro compito” . La scuola dovrebbe essere uno strumento di apprendimento in più , con la quale imparare a conoscere la vita e con il sostegno dei genitori certo, ma senza pressione o aspettative.
  • Confrontarlo con suo cugino perché fa le cose meglio di lui. Per te sarebbe gratificante essere costantemente paragonato a qualcun’altro? Immagina se dovessi svegliarti al mattino e cercare di assomigliare a qualcuno “migliore di te”.

Questa società  vuole avere piccoli adulti anziché bambini. E davvero, pensaci, è INCOERENTE.

I bambini sono bambini e ciò che dobbiamo fare è accompagnarli nel modo giusto in modo che non diventino gli adulti che vogliamo ma  che siano o ciò che è meglio per loro.

Pertanto, ogni volta che vai a correggere, rettificare o sgridare tuo figlio, chiediti se ciò che fa è sbagliato per un bambino o, al contrario, è sbagliato nella vita adulta . E da qui, rifletti, accompagni e  gestisci la situazione con serenità, coerenza ed empatia .

Se tuo figlio piange perché vuole andare a vedere le anatre nel parco (attraverso il quale sei passato e non ti sei nemmeno fermato), osserva le tue azioni e  accompagna le sue emozioni . Perché piangere in un bambino è NORMALE , poiché è ciò che vuole in quel momento con tutto il tuo essere . È il tuo lavoro come adulto, madre (o padre) e guida accompagnarlo proprio  . Dovresti anche chiederti se è così difficile andare a vedere le anatre e quindi evitare il dispiacere e cosa c’è di meglio , lasciarlo essere un bambino, godersi le cose che i bambini godono e desiderare le cose che i bambini vogliono.

Un altro esercizio pratico sarebbe quello di smettere di mettere al primo posto i tuoi interessi e iniziare a mettere al primo posto gli interessi dei tuoi figli.

Ci sono genitori che affermano che, essendo genitori, non abbandoneranno i loro gusti, hobby o interessi personali. Suona bene per me, davvero. Ma quando sei madre / padre, sei madre / padre. E devi assumerti la responsabilità che tuo figlio diventi un adulto FELICE , RESPONSABILE,  e LIBERO . E questo richiede uno sforzo. Non è che devi abbandonare i tuoi hobby, ma riuscire a lasciarli in disparte quando tuo figlio ha bisogno di te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.