Blog

Vuoi preparare i tuoi figli per il futuro? Insegna loro ad essere umani

Vogliamo che i nostri figli siano ben preparati per il futuro. Forse temiamo il futuro che i nostri figli vivranno e lo immaginino come un mondo molto competitivo, in cui le macchine avranno sconfitto gli esseri umani … Sébastien Turbot scrive in un interessante articolo a Forbesche che qui traduciamo che forse questa ossessione per prepararli bene per questo mondo futuro sta facendo troppa pressione sulle nostre spalle e su quelle dei nostri figli. E confessa che per lui preparare i nostri figli per il futuro consiste essenzialmente nel promuovere la loro intelligenza emotiva e le loro abilità sociali. 

“Come genitori in un mondo molto competitivo, siamo costantemente alla ricerca di un vantaggio comparato per i nostri figli. Vogliamo dotare i nostri figli di tutte le abilità possibili per raggiungere il successo nel 21 ° secolo. Ma questa missione sta facendo più danni di quanto immaginiamo.

I nostri figli stanno crescendo sotto pressione. L’ansia ha sostituito l’entusiasmo, il disinteresse mette in ombra la curiosità e la competizione sta conquistando la gioia dell’apprendimento. E tutto ciò sta lentamente diminuendo le capacità dei nostri figli di essere tolleranti e umani.

E ora, con l’avanzata della tecnologia , corriamo contro il tempo per garantire che i nostri figli crescano per essere pensatori intelligenti, indipendenti e creativi. Siamo freneticamente alla ricerca di una formula magica che ci permetta di convivere con robot e macchine, ma la risposta è sempre stata proprio sotto il nostro naso: essere umani. E stiamo fallendo miseramente nell’istillare questa qualità nei nostri figli.

Ai nostri tempi, buoni voti e un buon diploma post-laurea hanno assicurato una buona carriera e una buona vita. Ma il mondo di oggi ha bisogno di un nuovo tipo di alfabetizzazione: l’alfabetizzazione emotiva. L’intelligenza emotiva e le abilità sociali sono la chiave per crescere bene nel 21 ° secolo.

I datori di lavoro cercano persone creative, collaborative e flessibili con forti capacità comunicative e cognitive. Ma non è tutto. Vogliono anche persone con forti capacità emotive in grado di capire quali sono i sentimenti dei clienti e di instaurare un rapporto duraturo con loro.

Molte volte mi viene chiesto se è davvero possibile insegnare valori come la compassione e l’empatia, in particolare a persone tanto egocentriche quanto la “generazione di selfie”. Naturalmente, l’empatia è un concetto complesso che raramente vediamo applicato nelle scuole. Ma è possibile infondere valori come l’empatia e la benevolenza.

Secondo lo psicologo Michele Borba , “l’ empatia è una qualità che può essere insegnata – in effetti, deve essere insegnata da genitori, educatori e coloro che fanno parte della comunità del bambino. Inoltre, è un talento che i bambini possono coltivare e migliorare , come andare in bicicletta o imparare una lingua straniera.

Gli educatori e gli imprenditori sociali di tutto il mondo che integrano l’apprendimento emotivo nei rispettivi ecosistemi attestano i benefici dell’impegno in classe e dei risultati dell’apprendimento.

Le scuole di oggi sono sempre più multiculturali e riuniscono studenti di diversi background economici, diversi livelli di alfabetizzazione sociale ed emotiva, e tutto ciò crea un ambiente positivo per l’apprendimento.

I ricercatori e le organizzazioni stanno facendo l’impossibile per introdurre il fattore emotivo nell’apprendimento quotidiano. Il programma Scale Empathy della Standford University utilizza la realtà virtuale per mettere gli studenti nei panni di altre persone . Questo programma cerca di promuovere l’empatia verso le persone con disabilità, altre fasce d’età, altri colori della pelle e diversi contesti economici. In un’intervista al KQED , Jamil Zaki, un professore di psicologia che ha collaborato a questo progetto, ha dichiarato: “Una volta che hai capito il mondo come qualcun altro lo vede e ne hai visto la vita interiore, senti la responsabilità di prendertene cura e prendersi cura di quella persona e forse investono nel loro benessere ».

E questo è l’essere umano. Quindi, mentre ci prepariamo a “marciare con le macchine”, dobbiamo armare i nostri bambini fino ai denti con abilità come fiducia, tolleranza, compassione … Perché queste sono le capacità fruttuose per il futuro che ci aiuteranno a battere robot, portatori di handicap emotivo ».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.