Blog

Differenze tra apprendimento cooperativo e apprendimento competitivo

L’apprendimento cooperativo è una metodologia che persegue uno scopo socio-affettivo, raggiungendo un obiettivo in un gruppo cooperante . Per la sua efficacia in classe è necessario che l’insegnante capisca di cosa si tratta, qual è la differenza rispetto ad altre metodologie, come l’apprendimento collaborativo o l’apprendimento competitivo, e trovare strategie per metterlo in pratica in classe.

Vediamo ora in cosa consiste l’ apprendimento cooperativo e come può essere messo in pratica .

Cos’è l’apprendimento cooperativo e in che cosa differisce dagli altri

L’ apprendimento cooperativo ha un obiettivo socio-affettivo che cerca di integrare un gruppo per cooperare nella ricerca di risultati comuni. Tuttavia, non si tratta dell’insegnante che assegna un lavoro da svolgere in gruppi di due o tre persone, ma è anche necessario che l’insegnante insegni come raggiungere un obiettivo cooperando . Se agli studenti vengono semplicemente assegnati ruoli e compiti individuali, che vengono poi integrati nel lavoro, in realtà stai facendo un lavoro individualistico e non un lavoro cooperativo. Perché? Perché il lavoro cooperativo richiede l’interazione di gruppo per ottenere risultati.

Gli obiettivi perseguiti in una cooperazione sono l’apprendimento individuale e l’apprendimento per tutti i membri del gruppo allo stesso modo, quindi non puoi essere distaccato dall’apprendimento degli altri. L’istruzione formale tradizionale ha più familiarità con l’apprendimento competitivo, in cui ogni studente compete per il voto più alto. Tuttavia, molte scuole e programmi di insegnamento favoriscono già questo tipo di apprendimento , quindi il lavoro dell’insegnante si concentra sul raggiungimento di strategie per apportare cambiamenti in classe che favoriscano il lavoro cooperativo, sebbene in piccole dimensioni.

Per quanto riguarda l’apprendimento collaborativo, si differenzia dall’apprendimento cooperativo principalmente per l’obiettivo perseguito e per il ruolo dell’insegnante. Nell’apprendimento collaborativo l’obiettivo è cognitivo, cerca di costruire nuove conoscenze dalla conoscenza del gruppo . L’insegnante agisce più come facilitatore in questi casi e diventa uno studente che sviluppa conoscenza.

Inoltre, possiamo distinguere l’apprendimento cooperativo da altri tipi di apprendimento o strategie con questi cinque indicatori:

 

  • Interdipendenza positiva: è quando gli studenti percepiscono che “affondano o nuotano insieme”. Ciò può essere raggiunto attraverso obiettivi reciproci, divisione del lavoro, divisione dei materiali, ruoli e facendo in modo che parte del voto di ogni studente dipenda dalle prestazioni del resto del gruppo.

 

  • Competenze sociali interpersonali e di piccoli gruppi: in gruppi di apprendimento cooperativo gli studenti apprendono materie accademiche e competenze interpersonali e di piccoli gruppi. Man mano che gli studenti sviluppano queste abilità, i progetti di gruppo successivi verranno probabilmente eseguiti in modo più fluido ed efficiente rispetto ai precedenti.

 

  • Interazione faccia a faccia: importanti attività cognitive e dinamiche interpersonali si verificano solo quando gli studenti promuovono l’apprendimento degli altri. Ciò include spiegazioni orali su come risolvere i problemi, discutere la natura dei concetti appresi e collegare l’apprendimento presente alla conoscenza passata.

 

  • Responsabilità individuale: l’essenza della responsabilità individuale nell’apprendimento cooperativo è che “gli studenti imparano insieme, ma si esibiscono da soli”. Questo è importante per garantire che nessuno faccia il lavoro degli altri.

 

  • Analisi di gruppo: dopo aver completato l’attività, gli studenti dovrebbero avere tempo e procedure per analizzare ciò che hanno fatto, come e come migliorare come squadra.

Strategie per l’implementazione dell’apprendimento cooperativo in classe

  • È necessario allenarsi nell’apprendimento cooperativo , poiché molti insegnanti erano studenti di un sistema in cui prevaleva l’apprendimento competitivo, quindi è necessario disimparare per imparare cose nuove.
  • Inizia con piccoli compiti cooperativi in ​​classe, dove l’insegnante può osservare la cooperazione e formare gli studenti .
  • Scegli qualsiasi argomento e strutturalo per farlo in modo cooperativo, implementalo e verifica i risultati.
  • Incorporare l’ apprendimento cooperativo nel 60% delle attività in classe, in modo che gli studenti acquisiscano familiarità con il metodo.
  • Diventare un ricercatore dell’apprendimento cooperativo, ovvero: progettare strategie, implementarle, osservare i risultati e diffondere l’esperienza con i colleghi, in un blog, in articoli sottoposti a revisione paritaria, ecc.
  • Applicare i principi della cooperazione al di fuori della classe, con i colleghi, nell’istituzione e nella vita stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.