Blog

Punire i bambini, sì o no?

La punizione è uno degli strumenti più utilizzati ed è ancora usato nell’educazione tradizionale. Dubito che ci sia qualcuno della nostra generazione che non sia mai stato punito, in un modo o nell’altro. La punizione è uno strumento comportamentale , cioè viene utilizzato allo scopo di modificare il comportamento e si basa sull’associazione di uno stimolo a una risposta.

Ciò che il comportamentismo fa, in semplificazione, è usare rinforzi positivi (premi) per incoraggiare alcuni comportamenti; e rinforzi negativi (punizioni) per cercare di sradicare altri comportamenti.

La stragrande maggioranza delle punizioni può essere raggruppata in due grandi gruppi: timeout punitivo e ritiro degli stimoli “positivi” . Esempi di timeout punitivi sarebbero il classico “vai nella tua stanza” e la “sedia pensante”. Come ritiro di stimoli abbiamo “se continui a fare una cosa del genere finirai per … (tablet / parco / dessert / calcio /  uscire)”.

Quali sono i vantaggi delle punizioni?

Funzionano a breve termine. Hanno un effetto immediato . Stanno combattendo, io mando ognuno nella sua stanza e il combattimento si ferma. Non ha fatto i compiti, lo punisco e oggi pomeriggio controlla bene il suo programma e non dimentica di fare i compiti.

Il fatto che sembrano funzionare in un breve periodo di tempo giustifica il loro utilizzo?

Questi tipi di tecniche di modifica del comportamento sono state ampiamente dimostrate negli esperimenti sugli animali. Se ogni volta che un topo si avvicina a un oggetto riceve una scossa elettrica, assocerà una cosa all’altra e smetterà di avvicinarsi. Ma i nostri figli non sono topi e l’educazione non è solo allenamento.

Quali sono gli svantaggi delle punizioni?

1. Non funzionano a lungo termine

Abbiamo sentito tutti madri e padri disperati esclamare che “Non so più con quale punizione punirlo, gli ho tolto il gioco , la TV, il calcio … e ancora non studia / svuota il tavolo / riordina la sua stanza” o altre frasi simili.

Questo accade proprio perché non siamo scienziati che giocano alla formazione del mouse. Fattori molto più complessi sono coinvolti nell’educazione come motivazione, apprendimento, emozioni, legame … e non è sufficiente applicare una punizione per sradicare un comportamento senza tener conto del resto dei fattori.

2. Le punizioni non sono legate al comportamento del bambino

Immaginiamo un comportamento che vorremmo correggere nel nostro bambino. Vogliamo che tu ti occupi delle faccende domestiche, ad esempio facendo il letto. E dal momento che non lo fa da tre giorni, gli diciamo che non sarà in grado di andare a casa dell’amico questo fine settimana.

Non esiste alcuna relazione tra il comportamento e le sue conseguenze . Non sono collegati in alcun modo. È una sanzione imposta che non deriva dalla condotta stessa; e, quindi, la relazione che si instaura tra il comportamento e le sue conseguenze non è ragionevole per nostro figlio né ha luogo alcun apprendimento (“Che cosa ha a che fare il letto con andare a vedere il mio amico?” Non vado a casa del mio amico, non devo più rifare il letto? »).

3. Il bambino non impara nulla

La punizione cerca di far pagare il bambino per l’errore commesso, non di imparare da esso . Gli errori sono una parte essenziale dell’apprendimento. Per imparare a fare qualcosa devi esercitarti e commettere errori prima di raggiungere un’abilità. Se non accettiamo l’errore come parte del processo di apprendimento e crescita, giudichiamo continuamente comportamenti normali nella loro fase di sviluppo come se fossero un problema.

Inoltre, non impara nulla. Non capisce che è importante che raccolga i suoi giocattoli in modo che non si rompano e possano trovarli il giorno successivo. Prende solo i giocattoli perché se non lo fa, non gli lascerai guardare la TV . Anche se non capisci cosa c’entra una cosa con l’altra.

4. Si concentrano sulla modifica del comportamento senza tener conto delle emozioni

Le punizioni non tengono conto né delle emozioni pre-azione (perché questo bambino si è comportato così?), Né delle successive (come si sentono i bambini quando vengono puniti?).

Le emozioni precedenti sono essenziali per comprendere il comportamento del bambino . Sono la radice del comportamento o il “problema”. Se non li identifichiamo e non lavoriamo su di essi, non ripareremo nulla. Resteremo in superficie, il che è un comportamento inappropriato. Quindi, anche se all’inizio sembra migliorare, la situazione (o altre situazioni) si ripeterà più e più volte, dopo un po ‘.

Inoltre, non tiene conto di come si sentono i bambini riguardo alla punizione. Quando li puniamo, la maggior parte dei bambini prova sentimenti di ingiustizia, rabbia … e il rapporto con noi soffre. Molto probabilmente, vogliono vendicarsi, isolarsi o, come ho già detto, evitare di essere scoperti la prossima volta …

Nelle parole della psicologa  Jane Nelsen :

Da dove viene l’idea assurda che, affinché i bambini si comportino bene, devi prima farli stare male?

Ma cosa succede se non li puniamo, cosa facciamo?

È chiaro che quando nostro figlio si comporta negativamente non possiamo applaudirlo o guardare dall’altra parte . Quindi se non li puniamo, cosa possiamo fare? A seconda del tipo di comportamento, abbiamo diverse opzioni: promuovere la loro autonomia, rispettare i loro tempi, lavorare sulle loro emozioni, dare loro le opzioni per gestirli, cercare soluzioni invece di colpevole …

Un’educazione rispettosa, basata su una disciplina positiva , può offrirci molti strumenti per affrontare le sfide che ci vengono presentate giorno dopo giorno nell’educazione dei nostri figli, in modo che tutti loro e noi ci sentiamo meglio.

Quindi punizioni, sì o no?

Bene, ogni famiglia dovrà decidere quali metodi funzionano con i propri figli, ma sono convinto che se ci dessero una scelta tra due metodi per educare i nostri figli, uno punitivo che li fa stare male e non funziona a lungo termine, e un altro rispettoso che li fa stare bene e funziona a lungo termine , sapremmo tutti quale optare per. Ecco perché ti offriamo questo corso di Educazione rispettosa e Disciplina positiva , in modo da conoscere tutte le alternative, le opzioni in base alle circostanze e il modo di comunicare con loro che possono funzionare al meglio:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.