Fare Scuola Con Cervello – II° ROUND : “Neuroscienze ed Educazione all’aria aperta” – VITERBO

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 29/02/2020
10:00 am - 1:00 pm

Luogo
LA TERRA DEI BAMBINI

Categorie


L’obiettivo del seminario è stimolare famiglie e operatori della scuola a lavorare con consapevolezza con i bambini ed aiutarli a vivere felicemente nel presente e a gettare dei semi in vista del futuro . Proveremo a farlo volgendo lo sguardo al passato alle teorie di diversi filosofi e presentando alcune ricerche svolte in questi anni. Cercheremo di fornire degli strumenti operativi in grado di rendere la scuola e il contesto familiare luoghi dove i bambini vivano felicemente il proprio unico ed irripetibile percorso di crescita. Parleremo di emozioni, delle opportunità che esse ci offrono e di come esse siano fondamentali per attivare processi di apprendimento. Tutto parte dall’autoeducazione e dal lavoro che si fa con le famiglie, per questo analizzeremo concetti base come “stile esplicativo”, auto dialogo e comunicazione non violenta. Il seminario inizierà con una presentazione dei principi pedagogici e della didattica dell’asilo nel bosco.

IL SEMINARIO È RIVOLTO

Il corso si rivolge particolarmente a genitori, insegnanti, insegnanti di sostegno, pedagoghi, medici, neuropsichiatri, operatori dell’infanzia, psico-pedagogisti, logopedisti, sociologi, psicomotricisti, psicologi, educatori, assistenti sociali, studenti, genitori, homeschooler, a tutte le persone interessate ad approfondire la tematica dell’educazione emozionale e alla felicità.

PROGRAMMA

In questa serie di Incontri Saranno trattati i seguenti argomenti:

·       I principi pedagogici dell’asilo nel bosco e della Polis

·       La relazione e il clima generale

·       L’ambiente grande educatore

·       Il ruolo delle famiglie

·       La didattica: esperienza, gioco e emozioni

·       Definizione del concetto di felicità

·       La felicità è amica della pace

·       La ragione e il sentimento : un’auspicabile convivenza

·       Cosa dice la filosofia

·       Tutte le emozioni sono un’energia: possiamo imparare anche dalla rabbia

·       Cosa succede nel nostro corpo quando ci emozioniamo, la funzione dell’amigdala

·       Il nostro corpo , una macchina perfetta

·       L’autoeducazione e l’autodialogo

·       Lo stile esplicativo, ovvero gli occhiali che usiamo per guardare la realtà

·       L’educazione emozionale col gruppo di lavoro e con le famiglie

·       Alcune proposte per i bambini: le favole, il gioco simbolico e il cerchio delle emozioni

Il relatore

Luca Fagiano 

Maestro e Responsabile Didattico dell’Asilo nel Bosco

L’asilo nel Bosco ospita bambini dai 0 ai 6 anni ed è situato in campagna ad Ostia Antica.

Questo modello di scuola è giudicato positivamente da granparte dei maggiori pedagogisti mondiali passati e contemporanei: Froebel, Rousseau, Montessori  per citarne alcuni. Le prime scuole all’aperto “ Le scuole giardino” nacquero in Italia agli inizi del secolo scorso e si svilupparono in tutta Europa col nome di “Asili nel Bosco”intorno al 1950. In tutto il mondo ci sono scuole all’aperto e solo in Germania se ne contano più di 1500.

Poiché non crediamo a modelli educativi  validi in tutti i tempi e in tutti i luoghi abbiamo adattato queste teorie al nostro territorio contaminandole con quelle teorie( educazione libertaria, democratica, pedagogia Waldorf, Montessori, Rousseau, Zavalloni, Lodi, Pestalozzi ,Freire ecc ecc ) che sentivamo più affini alla nostra idea di educazione.

L’aula che maggiormente utilizziamo è il contesto esterno: i 3 giardini, il bosco, la campagna, il fiume e tutto il meraviglioso territorio del nostro municipio. Le basi su cui poggia la nostra idea pedagogica sono : una relazione amorevole tra educatori e bambini, l’esperienza diretta e il gioco come strumenti didattici, lo sviluppo integrale dell’individuo , la valorizzazione di quell’”essere unico e irripetibile “ che è ciascun bambino e una programmazione flessibile che nasca dall’osservazione dei bisogni e degli interessi dei pargoli. Per raggiungere questi obiettivi ambiziosi ci siamo strutturati con un rapporto educatore bambino 1 a 8 e non 1 a 25 come nella scuola tradizionale. Il gruppo di lavoro è composto da diverse figure con competenze particolari: educativa, ambientale e artistica.

Una scuola che voglia essere efficace non può a nostro parere essere ancorata alla strutturazione che ci siamo dati ormai 3 secoli fa ma deve tener conto degli studi  e dalle ricerche che sono stati fatte negli ultimi anni. Queste ricerche dicono che se i bambini vivono all’aria aperta oltre ad ammalarsi di meno, sono piu’ autonomi, più creativi, hanno una maggiore autostima e una socialità più ricca e meno conflittuale. Altri studi dimostrano che non vi è reale apprendimento se non si  parte dalla curiosità dei bambini e dai suoi interessi. Altri ancora sottolineano che i processi cognitivi sono successivi ad un’equilibrata educazione emotiva. Il nostro progetto è costruito su questi studi e sull’osservazione  dei bambini che sono per noi lo specchio di una scuola che funzioni.

 

DOVE:

LA TERRA DEI BAMBINI
Strada Torre del Guercio 27/a
Ponte di Cetti
Viterbo

Google MAPS:

https://maps.google.com/?q=42.378056,12.087696

REFERENTE LOCALE:

Silvia Ferrandes: +39 347 688 6666

Bookings

nel prezzo è compresa la quota di 5€ che verrà donata al progetto ospitante " La Terra dei Bambini"

€40,00


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.