Blog

Come far smettere i bambini di essere “eco-analfabeti” e connetterli con la natura…

Non è necessario portarli in una giungla amazzonica. Nelle aree verdi delle città e durante le vacanze in città, che quest’anno sarà l’opzione di molte persone, abbiamo le migliori aule per insegnare loro il contatto con la natura.

Certo, poi i più piccoli sono sorpresi che il latte esce dalle mammelle delle mucche e non dal super, che le uova provengano direttamente dal “sedere” della gallina – “che schifo!”, alcuni dicono quando lo scoprono – e che le patate crescono sottoterra e non in quelle grandi borse nel negozio … Normale. Per loro, tutto ciò che hanno messo in bocca ha la stessa origine: il negozio. Inoltre, escono molto meno di prima  e fino a quando non sono abbastanza grandi, sono accompagnati da adulti. E la maggior parte vive in aree urbane con molto cemento e poco verde. A cosa porta la congiunzione di questidi fattori? Bene, i ragazzi e le ragazze sono molto più “analfabeti naturali” dei loro genitori, bambini degli anni ottanta che giocavano molto all’ aperto e nelle aree boschive e, almeno, giocavano con “insetti”: lucertole, girini, coccinelle, lombrichi, grilli …

Quei bambini sapevano che bisognava evitare le ortiche, che alcuni fiori possono essere succhiati perché hanno un sapore dolce e che certe erbe sono eccellenti “frecce” con cui giocare. Hanno anche raccolto more, rubato un po ‘di frutta … E, se confrontiamo i bambini di oggi con i loro nonni, il salto è già spaventoso: molti hanno avuto bestiame a casa e sanno come coltivare un frutteto. Che cosa è successo? Come mai le più piccoleb generazioni  stanno diventando così disconnesse dalla natura? Come può essere che adesso, per riavvicinarli, dobbiamo portarli in “campi” e fattorie specializzate dove spiegano anche le cose più elementari? La vita urbana e il controllo dei genitori  li hanno allontanati da terra. E i rischi di questa distanza sono molteplici. Per cominciare, c’è l’ignoranza di molti aspetti della vita naturale – che, ovviamente, correggeranno con i libri, ma non attraverso l’esperienza – ma forse un’altra delle conseguenze è più grave: il distacco dalla natura . La tua consapevolezza ambientale emergerà spontaneamente se ti avvicini al campo. Perché l’ignoranza, alla fine, crea indifferenza.

Questa settimana, lo scrittore e divulgatore americano Richard Louv, co-fondatore di Children & Nature Network è impegnato in una crociata personale per recuperare la connessione tra infanzia e natura, ha dichiarato che i bambini di oggi conoscono bene i cambiamenti climatici o la bonifica delle foreste pluviali amazzoniche, ma “non quali specie vivono nei laghi o nei parchi vicino alla loro casa”

Questo contatto consente ai più piccoli di capire “che fanno parte di un mondo più vasto, che li include” e, se hanno l’opportunità di sperimentarlo, anche in modo semplice, “l’interazione e l’impegno” per la cura del pian

eta ” sono conseguenze immediate. Tuttavia, quando tale contatto diretto non esiste, come accade in molte grandi città, “la conoscenza dell’ambiente dei bambini finisce per essere astratta per la maggior parte, quindi tendono a vedere un mondo con problemi travolgenti”, che ostacolerà il tuo percorso nella vita. E “se le esperienze con la natura continuano a svanire, chi saranno i futuri amministratori del pianeta?” 

Quest’estate, che dovrebbe essere piuttosto limitata sotto alcuni aspetti a causa della pandemia, può metterci in condizione di aiutare i nostri piccoli a riconnettersi con la natura. Non è necessario andare in foreste lontane. Vicino a casa, anche nelle città, ci sarà un po ‘di spazio verde da esplorare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.