TRED

TRasformare l’EDucazione

Insieme a 12  protagonisti dell’innovazione educativa conosceremo più da vicino le esperienze che stanno aprendo la strada al cambiamento in Italia. Toccheremo con mano sperimentazioni e pratiche. 

Proveremo le emozioni e il gusto, di comporre, come in un caleidoscopio,  la visione e l’orizzonte di una nuova educazione possibile.

Rivoluzione Gentile in corso! Ci sei anche tu?

Partecipa ai TRED il 17 aprile

  • una giornata alla scoperta di alcune delle esperienze virtuose italiane
  • 24 speeches (12 in diretta e 12 differita)
  • potrai scegliere 2 aule pomeridiane di formazione e approfondimento
  • webinar serale con ospite a sorpresa

ideato da:

mediapartner:

Il Programma

9.00 – 13.00

12 SPEECHES CON OSPITI ECCEZIONALI

14.00 – 17.00

AULE DI APPROFONDIMENTO

18.00 – 19.00

WEBINAR CON OSPITE A SORPRESA

Qui sotto trovi indicate le tematiche che ogni relatore tratterà prima negli speeches della mattina e poi nelle aule di approfondimento e dialogo del pomeriggio. 

Michele Dotti

EducAttore

Coltivare la nostra Creatività

Nel parlare comune, la creatività è spesso associata al mondo dell’arte, all’interno del quale -come in un recinto- essa è indubbiamente considerata un valore da rispettare, ma al di fuori del quale non deve osare mettere piede. Parleremo invece di creatività intesa come “pensiero laterale”, capacità di innovarsi, di cambiare adattandosi ai mutamenti della storia, di fare un “passo laterale” di fronte alle sfide quotidiane per trasformare i problemi in risorse, le crisi in opportunità e aprire ai nuovi orizzonti di un mondo diverso possibile. 

Emily Mignanelli

Educatrice e formatrice

Una Scuola dinamica, per educare al Benessere e prevenire il disagio psichico!

Il ruolo della scuola dovrebbe essere sempre collegato alle esigenze sociali dello specifico momento storico. Una delle emergenze di oggi è senza dubbio quella del sostegno alla costruzione identitaria ed emotiva dell’individuo. La scuola dinamica è una scuola che nel movimento e nella relazione affonda le proprie radici e tende i propri rami per sostenere bambini, genitori ed insegnanti.

Matteo Saudino

Filosofo e insegnante

Una scuola socratica per una formazione a misura di persona

In una società globale liquida, ipertecnologica, ultrarapida e consumista occorre ripensare profondamente ai processi di formazione. La scuola, infatti, si sta ammalando sempre più di quel nichilismo che dovrebbe contrastare e si sta trasformando in un non luogo di emozioni tristi in cui non si insegna a dialogare e a ragionare criticamente bensì ad eseguire in modo meccanico e passivo. Per fare dell’istruzione un processo che emancipi gli studenti e le studentesse, urge affrontare una domanda ineludibile: quale scuola dobbiamo costruire per avere una società autenticamente democratica?

Alessandra Bortolotti

Psicologa e scrittrice

La centralità e la bellezza dei primi mille giorni

Quali aspettative quando nasce una nuova vita? I primi mille giorni sono di centrale importanza, un vero e investimento affettivo per l’intera vita di grandi e piccoli. Parleremo di come le neuroscienze, attraverso nuove ricerche e nuove evidenze, ci aiutano a sfatare miti, a mettere a tacere i pregiudizi culturali, aiutandoci a costruire salute e benessere.

Sara Crisantemi

Pedagogista e autrice

Impariamo col corpo o senza?

IL RUOLO DEL MOVIMENTO NEGLI APPRENDIMENTI

Tra i linguaggi specie-specifici di noi esseri umani, quello corporeo è il primo a manifestarsi: i bambini e le bambine sperimentano il loro corpo e, facendolo, dicono di sé, raccontano chi sono. Tutto ciò che si apprende e si esperisce attraverso il corpo, rimane impresso nella memoria. Questo legame tra movimento e apprendimenti mi ha affascinata. Teniamo conto dei corpi dei nostri bambini e ragazzi quando parliamo di apprendimento? Conosciamo l’essenziale ruolo dell’irisina nella plasticità neuronale? Parliamone insieme!

Helga Dentale

Esperta di pedagogia teatrale e linguaggi espressivi

Il Teatro, l’ascolto e le emozioni

Indagheremo insieme le valenze del linguaggio teatrale, non per formare “piccoli attori” ma per trasformare la didattica in un’esperienza laboratoriale, per far dialogare il linguaggio del corpo con la parola, per ascoltare i sensi, per mettere in connessione emozioni e pensiero. Il linguaggio teatrale viene spesso utilizzato per “fare recite”, perché ridurlo a questo? Il bambino non è un esecutore: è un esploratore. Scopriamo insieme come utilizzare il teatro per nutrire il piacere della scoperta, per costruire una scuola creativa, gentile, felice.

helga

Maura Manca

Psicologa clinica e psicoterapeuta

Ascoltare l’adolescenza, perché ascoltare non significa sentire ma esserci

Ascoltare significa esserci, ed è ciò di cui ha bisogno un adolescente, perché essere ascoltati, per loro, significa essere visti, riconosciuti e compresi. Saper ascoltare è una dote che si può imparare e anche trasmettere. Non basta sentire o essere fisicamente presenti, serve la presenza emotiva e la perseveranza.

Mario Polito

Psicologo e formatore  per la comunicazione in classe e l’apprendimento cooperativo

Educare col cuore

Ci concentreremo su che cosa voglia dire “educare con il cuore” ma anche su che cosa significa “educare senza cuore”. Riflettendo su questi temi ci mettiamo inevitabilmente in discussione, perché ci dobbiamo chiedere quanto stiamo coltivando la nostra intelligenza emozionale. Quanto siamo aperti, empatici, appassionati, entusiasti e disponibili? Come incide questa nostra presenza emozionale sui nostri alunni, figli e colleghi? Il seminario è focalizzato su noi stessi come educatori. È un’autoriflessione. Rivolge lo sguardo sulle nostre abilità emozionali, sul nostro quoziente emozionale, sulle nostre abilità comunicative, sulla nostra capacità di parlare con il cuore in mano ed essere autentici. Ci possiamo riuscire? Sì. Mi impegno a presentare alcuni esempi e strategie.

Selima Negro

Formatrice nel gruppo informale Pedagogia del bosco | Ricerca e formazione.

Parole e concetti chiave della pedagogia del bosco

Quali sono le parole chiave che meglio raccontano la pedagogia del bosco?Quale significati vivono dentro queste parole? Cercheremo insieme e rilfetteremo su queste parole e sui loro diversi significati, impliciti o espliciti. Sara’ un viaggio che ci portera’ alla ricerca dei “tesori” che piu’ possono accompagnare e sostenere il mutamento e il rinnovamento dell’educazione in Italia.

Giovanni Castagno

Insegnante della scuola primaria, svolge un dottorato in teorie educative

TAKE CARE OF IT, IS YOURS! educazione, trasformazione e città

Esistono dei fili, visibili e invisibili che ci legano all’ambiente che ci circonda. Esso ci modifica e noi lo modifichiamo, come in una danza, o almeno così dovrebbe essere. Perché a volte questi fili possono raccontare relazioni asimmetriche, relazioni di potere, possono trasformarsi in corde e persino in catene, che condizionano il nostro cammino di crescita e la nostra libertà. Nell’ambiente possiamo riconoscere i segni delle relazioni sociali, delle disuguaglianze e anche delle ingiustizie, come del protagonismo sociale, delle molteplici identità che attraversano e vivono un territorio. L’ambiente educa, disegna e insegna un’idea di mondo: ci racconta soprattutto se siamo parte attiva di esso oppure no, e qual è il nostro posto, se un posto lo abbiamo. Per questo, trasformare ciò che ci circonda è parte di una liberazione educativa sempre più necessaria e impellente. Vi farò conoscere più da vicino le esperienze che ho vissuto, che ho animato e sto animando nella mia città, Roma. Soprattutto, lavorando insieme, in forma laboratoriale, indagheremo le possibilità e tesseremo i fili di una nuova relazione possibile, fra noi ed il territorio, fra la scuola e l’ambiente che ci circonda.

Giuseppe Paschetto

docente di matematica e candidato al Global Teacher Prize 2019

Non si SBudelli l’Italia

Progetto di cittadinanza attiva che ha coinvolto per due anni gli alunni di una classe della media di Mosso (BI). Esperienza di scuola viva sul territorio per ribellarsi alla perdita del patrimonio pubblico dell’isola di Budelli. Lancio della campagna di crowdfunding per 3 milioni di euro

Maurizio Parodi

dirigente scolastico, fondatore del movimento “Basta compiti!”

Cosi’ Impari: Una Scuola Senza Compiti!

Nessuno ha mai dimostrato che i compiti a casa siano necessari o almeno utili, mentre vi sono contributi di autorevoli studiosi che ne evidenziano gli effetti nocivi in termini di stress, disaffezione, rifiuto dello studio, discriminazione sociale…
Allora perché i docenti assegnazioni i compiti?
Come li gestiscono?
A cosa servono?
Perche’ si divrebbero eliminare?
Si può fare una scuola senza compiti?

Questo è il nostro obbligo nei confronti del bambino: dargli un raggio di luce, e seguire il nostro cammino.

MARIA MONTESSORI

Cosa troverai

Potrai ascoltare ciascuno dei relatori in uno speech di presentazione, aprendo ad uno specifico sguardo sull’educazione. Nella stessa giornata potrai scegliere due classi pomeridiane di riflessione partecipata, una con uno dei relatori e una coi maestri del bosco (L’Asilo nel Bosco e la Piccola Polis di Ostia Antica) che si terranno nel pomeriggio. Ciliegina sulla torta, come una buona comunità ci ritroveremo tutt@ insieme a fine giornata in compagnia un meraviglioso ospite per un webinar conclusivo!

Perchè partecipare

Per osservare più da vicino alcune delle migliori innovazioni pedagogiche italiane
Per aprire gli occhi della mente a nuove concrete possibilità
Per aggiungere tanti nuovi strumenti nel tuo bagaglio
Per partecipare attivamente ad un cambiamento possibile
Per mescolare immaginazione, nuove proposte, energie, emozioni e coltivare un grande sogno!

I Relatori

Prenota il tuo posto

Vista la specificità del format di questo evento i posti sono limitati e non sarà possibile acquistare il biglietto con la partecipazione diretta una volta esaurite le disponibilità.

PARTECIPA AI TRED

PRENOTA IL TUO POSTO E PARTECIPA ATTIVAMENTE!
25,00
  • ACCESSO AGLI SPEECH
  • ACCESSO A 2 CLASSI POMERIDIANE
  • WEBINAR DI CHIUSURA
  • REGISTRAZIONI (mattina video, pomeriggio audio) FRUIBILI PER UN ANNO

SEGUI IN DIFFERITA

ACQUISTA LE REGISTRAZIONI VIDEO E AUDIO DELLA GIORNATA
LE RICEVERAI IN UNA SETTIMANA CIRCA DALL'EVENTO!
25,00
  • REGISTRAZIONI VIDEO DEGLI SPEECH
  • REGISTRAZIONI AUDIO DELLE CLASSI POMERIDIANE
  • REGISTRAZIONE VIDEO DEL WEBINAR DI CHIUSURA
  • CONTENUTI FRUIBILI PER UN ANNO

*la richiesta di fattura, se necessaria, deve essere fatta in concomitanza dell’acquisto tramite email a: festa@asilonelbosco.com

Michele Dotti, educAttore, scrittore e formatore. Fondatore del Festival e della rivista “Ecofuturo”, incontra ogni anno migliaia di alunni di tutte le scuole d’Italia. 

Emily Mignanelli, maestra e pedagogista, dal 2009 si occupa di scuole sperimentali e alternative, fondandone due. Si occupa di formazione per insegnanti e genitori. 

Matteo Sudino,  insegna filosofia presso il liceo “Giordano Bruno” di Torino. È ideatore di BarbaSophia, il canale YouTube in cui spiega e racconta concetti e storia della filosofia.

Selima Negro, co-fondatrice dell’APS Fuori dalla scuola che porta avanti progetti di libera immersione nel selvatico in Brianza, lavora dal 2015 come formatrice nel gruppo informale Pedagogia del bosco | Ricerca e formazione.

Sara Crisantemi, pedagogista e  autrice. Si occupa di supporto alle scuole, ai gruppi di genitori o singole famiglie, col fine di prendersi cura in modo specifico e personale dei processi educativi, di apprendimento e relazionali.

Mario Polito,  psicologo e pedagogista, da 25 anni è formatore dei docenti delle scuole primarie e secondarie per didattica, la comunicazione in classe e l’apprendimento cooperativo. E’ autore di alcuni libri sul metodo di studio, la memoria, la motivazione.

Giovanni Castagno, ha insegnato molti anni alla Scuola dell’infanzia e da ormai qualche anno lavora alla Primaria. Sta svolgendo attualmente un dottorato in Teorie educative, presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’università Roma Tre. 

Maria De Biase, Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Santa Marina di Policastro (SA), da anni si impegna per costruire  nella sua scuola, insieme ai docenti e ai genitori, una comunità educante attenta a nuovi principi ecologici ambientali ed alimentari. 

Alessandra Bortolotti, è psicologa dello sviluppo e dell’età evolutiva, esperta del periodo perinatale e scrittrice. Si occupa da circa vent’anni di educazione affettiva ovvero di fisiologia della gravidanza, parto, allattamento, sonno infantile e accudimento dei bambini basato sul contatto.

Helga Dentale, Docente per la formazione e ideatrice del Metodo Teatro in Gioco®. Esperta di pedagogia teatrale e linguaggi espressivi, conduce seminari e corsi di formazione. È autrice di libri di pedagogia teatrale e coordina la Rete Teatro in Gioco® .

Maura Manca, Psicologa Clinica e Psicoterapeuta. Dottoressa di Ricerca in Psicologia Dinamica, Clinica e dello Sviluppo, Esperta in Psicodiagnosi Clinica e forense. Presidente Osservatorio Nazionale Adolescenza.

Ospiti d'onore del webinar

Bernard Friot

è uno dei più originali e amati scrittori per ragazzi. Prima di approdare alla scrittura ha insegnato in una scuola di Lile e poi per quattro anni è stato responsabile del “Bureau du livre de jeunesse” a Francoforte. Stando a stretto contatto con i bambini ha avuto la possibilità di studiarne la grande creatività anticonvenzionale nell’inventare storie, che è diventato il suo modello stilistico. Friot infatti si autodefinisce uno “scrittore pubblico”, in virtù della necessità che ha di fare spesso incontri con il suo pubblico di giovani lettori per ricaricarsi di emozioni. I suoi racconti nascono per venire incontro a quei bambini e adolescenti con grandi difficoltà nella lettura di cui si è spesso occupato personalmente e il suo obiettivo è trasmettere un’emozione o far nascere un sorriso con storie brevi ma intense. 

Merrick e Petross

artisti e rapper del litorale romano.

Presentano e moderano

Catia Castagna,classe 73, è un attrice ,formatrice. Ha alle spalle una ricca formazione teatrale(prosa, teatro fisico) e musicale. Ha preso parte a innumerevoli spettacoli teatrali e ha diretto numerosi laboratori rivolti a minori a rischio in collaborazione con enti locali e associazioni. E’ stata protagonista della nascita di numerosi progetti innovativi (dal centro culturale Affabulazione, al Teatro del Lido di Ostia), oltre ad aver coordinato e diretto  molti progetti (Nazionali ed Europei) di teatro e formazione. Tra le ultime esperienze vanno segnalato L’attività di direzione artistica del Festival Tutte STorie (2016/2020), (dal 2016) la sua attività di formatrice e cofondatrice della piccola Polis di Ostia Antica progetto rivoluzionario di formazione all’aperto.

Luca Fagiano, da oltre 20 anni impegnato nel campo dell’educazione. Educatore sociale e interculturale, impegnato in numerosi progetti pubblici.
Ha curato inoltre, diversi lavori e percorsi sui temi della “città a misura di bambina e bambino ed è attualmente referente della fascia 3 – 6 per l’asilo nel bosco. Instancabile attivista sociale.

Paolo Mai, maestro, fondatore dell’Asilo nel Bosco ed esperto di educazione in natura sviluppa il suo personale metodo di insegnamento, analizzando le criticità e i punti di forza della pedagogia moderna. Seguendo gli studi più recenti, che ha ricercato in ogni angolo del mondo, Paolo Mai traccia una via che non ripercorre sentieri già battuti da altri ma che li integra all’insegna delle domande più importanti: che cosa mi aspetto dalla scuola? Che cosa mi rende felice?
Papà di quattro figli, maestro e cofondatore dell’Asilo nel Bosco e della Piccola Polis, è diplomato in Neuroeducazione ed educazione emozionale presso l’Università di Cordoba, in Argentina. Ex attivista Greenpeace è coautore di L’Asilo nel Bosco, Un nuovo paradigma educativo (Edizioni Tlon, 2016),  autore del libro La Gioia di Educare, pedagogia della bruschetta (Edizioni Tlon 2018).  Tiene seminari e conferenze su educazione in natura e Neuroeducazione in tutta Italia. E’ delegato italiano della rete internazionale RIIEB ( red internacional educacion emocional y bienestar)

Con la prima edizione della FESTA INTERNAZIONALE DELLA PEDAGOGIA VIVA abbiamo voluto condividere le nuove possibilità. Attraverso i TRED vogliamo raccontarvi di chi sta già attuando il cambiamento.

Guarda il video di presentazione!

Domande Frequenti

I TRED nascono con l’esigenza di evidenziare anche le esperienze virtuose che già sono attive in Italia e che si avvalgono dei metodi e degli studi citati durante la Festa. Insomma: vi abbiamo mostrato le possibilità, ora vi mostriamo che “SE PO’ FA!”

I TRED sono aperti a tutti coloro che sono interessati alle tematiche come: pedagogia, psicologia, educazione emozionale, neuroscienze. Durante tutta la giornata approfondiremo molte tematiche, ma stando sempre attenti a dare le giuste basi per la comprensione di tutti i partecipanti. 

Clicca su “ISCRIVITI ORA” per procedere con il pagamento. Subito dopo riceverai una mail di conferma. Il giorno stesso dell’evento, prima ella pausa pranzo potrai prenotarti alle aule pomeridiane. 

Le aule pomeridiane sono pensate per approfondire le tematiche che i relatori introdurranno durante gli speech della mattina, in modo partecipato e per aprire un dialogo costruttivo. Le aule saranno accessibili a 60 persone per volta per permettere l’interazione. Si alterneranno in due turni da 90 minuti ciascuna. Ogni iscritto potrà prenotarsi a 2 aule ( una coi relatori ospiti e una coi maestri dell’asilo nel bosco).

Puoi pagare con qualsiasi tipo di carta: di debito, di credito o ricaricabile, oppure con paypal

“I bambini vengono educati da quello che gli adulti sono e non dai loro discorsi.”

CARL GUSTAV JUNG

Hai altre domande?

scrivici a festa@asilonelbosco.com

Procedi al pagamento per confermare la prenotazione.
Scegli la modalità di pagamento che preferisci.
costo biglietto: 25 euro